Fabbrica intelligente: 340 milioni per le pmi del sud

Fabbrica intelligente: 340 milioni per le pmi del sud

Nuovo intervento ‘Macchinari Innovativi’ a favore delle micro, piccole e medie imprese di Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia

Il Ministero dello Sviluppo Economico, con Decreto del 9 marzo 2018, ha istituito la nuova misura “Macchinari Innovativi” a favore delle micro, piccole e medie imprese del Sud, con l’obiettivo di agevolare programmi di investimento innovativi nelle regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia), diretti a consentire la transizione del settore manifatturiero verso la cosiddetta “Fabbrica intelligente”.

I programmi ammissibili alle agevolazioni devono prevedere la realizzazione di investimenti innovativi che, in coerenza con il piano nazionale “Impresa 4.0” e la Strategia nazionale di specializzazione intelligente, consentano l’interconnessione tra componenti fisiche e digitali del processo produttivo, innalzando il livello di efficienza e di flessibilità nello svolgimento dell’attività economica, con conseguente riduzione dei costi o incremento del livello qualitativo dei prodotti.

I programmi di investimento ammissibili devono:

  • Prevedere spese non inferiori a euro 500.000,00 e non superiori a euro 3.000.000,00;
  • Essere realizzati esclusivamente presso unità produttive localizzate nei territori delle Regioni meno sviluppate;
  • Prevedere l’acquisizione dei sistemi e delle tecnologie riconducibili all’area tematica “Fabbrica intelligente” della Strategia nazionale di specializzazione intelligente, come elencati negli allegati alla normativa di riferimento.

Le agevolazioni sono concesse sulla base di una procedura valutativa con procedimento a “sportello”. Sono previste agevolazioni sulla base di una percentuale nominale delle spese ammissibili pari al 75%, così ripartita:

  1. a) Per le imprese di micro e piccola dimensione:

a.1 un contributo in conto impianti pari al 35%;

a.2 un finanziamento agevolato pari al 40%;

  1. b) Per le imprese di media dimensione:

b.1 un contributo in conto impianti pari al 25%;

b.2 un finanziamento agevolato pari al 50%.

Il finanziamento agevolato deve essere restituito dall’impresa beneficiaria senza interessi a decorrere dalla data di erogazione dell’ultima quota a saldo delle agevolazioni, secondo un piano di ammortamento a rate semestrali costanti posticipate scadenti il 31 maggio e il 30 novembre di ogni anno, in un periodo della durata massima di 7 anni.

Per maggiori informazioni puoi consultare la Nota Informativa o contattarci a info@prometeofondi.it

Related posts

Leave your comment Required fields are marked *

Prometeo si occupa di assistenza strategica per politiche industriali, modelli di business innovativi, connessi con la programmazione europea e sinergici con il mondo della ricerca e degli stakeholders territoriali. L’esperienza maturata, in oltre 18 anni di storia, nella consulenza sui fondi europei, legata alla ricerca e al trasferimento tecnologico verso i cluster e le start-up, fanno di Prometeo un vero acceleratore di business e di innovazione.